Seleziona una pagina

Giornate ricche, piene… giornate affollate: quello che sta accadendo a Trieste, in queste settimane, è un “brulicare” di persone e turisti che animano la città, in un periodo di ottobre nel quale la Barcolana e le Elezioni Comunali stanno catalizzando le argomentazioni ed animando i dibattiti, appena dopo un Trieste Next che ha messo in primo piano i ricercatori scientifici ed il mondo universitario. 

“Art(è) In Cantiere”, però, non smette il suo percorso ed infatti in una zona centrale del capoluogo giuliano è apparso un nuovo dipinto: ancora una volta, la firma è quella di Strasnic, fantasioso universo animato da ciambelle e becchi che contestualizza la storia di Trieste e dei suoi rioni attraverso gli occhi di William e Diego. 

Palazzo Brigido, in Via Pozzo del Mare, è una costruzione storica che ha anche ospitato Napoleone, per una notte: un cenno storico importante, che viene richiamato nell’opera di “Art(è) In Cantiere” nella parte centrale. A due passi da Piazza Unità, proprio alle spalle del punto di riferimento di Trieste e a qualche minuto dal Golfo: i richiami sono tra i più vari, dal momento che si può vedere la ciambella Donutsnic che si “specchia” per richiamare lo storico Caffè degli Specchi, location più che frequentata dai turisti e salotto buono della piazza sul mare più conosciuta d’Europa. 

Sarà proprio da qui che si potrà ammirare la Barcolana 2021, con un richiamo anche al Molo Audace ed ai pescatori, categoria che durante la notte e nelle prime ore della mattina è sempre possibile vedere. 

“Art(è) In Cantiere” continua a colorare a modo suo la città, grazie alla disponibilità dell’impresa di costruzioni Rosso Srl che sta ristrutturando un palazzo che è davvero un punto di riferimento per Trieste e che ha come obiettivo quello di “colorare” ulteriormente le impalcatura delle nostre zone.