Il comune di Trieste ed E Factory celebrano il Progetto Art(è) In Cantiere - E_FACTORY
Seleziona una pagina

Re-interpretare uno spazio urbano e prendersi la responsabilità di portare un messaggio a giovani, meno giovani e, in generale, alla cittadinanza: la creatività urbana è anche questo e a Trieste si è diffusa e affermata come uno dei tanti modi possibili per reinventare la città ed i rioni.

Tra queste possibilità il progetto “Art(è) In Cantiere”  ha scelto di destinare all’arte dei luoghi molto particolari, ovvero, i ponteggi e le pareti degli edifici interessati da ristrutturazioni. Il progetto, inaugurato qualche mese fa, ha già messo in mostra una quindicina di giganteschi teloni opera di Strasnic, due giovanissimi illustratori di Trieste. Il movimento però non si è fermato e la collaborazione tra Comune di Trieste, PAG Progetto Area Giovani, Confcommercio Trieste e Gruppo Giovani Imprenditori di Confcommercio Trieste ha continuato ad sostenere il progetto ideato e curato dall’Associazione ICH International Charity Hoops ed E_Factory e promosso grazie alla disponibilità dell’azienda di costruzioni Rosso Srl.

Questa volta,  Art(é) In Cantiere ha proposto un interessantissimo incrocio con  “Chromopolis – La città del futuro”, il progetto di creatività urbana coordinato dal  PAG – Progetto Area Giovani del Comune di Trieste, dedicando uno spazio alle opere di Alessandra Carloni, street artista romana che nei mesi passati ha regalato alla città il suo ciclo di interventi “Energie”, realizzato in collaborazione con ACEGAS Aps Amga su tre cabine elettriche e sul muro perimetrale di un centro di raccolta del capoluogo regionale.

In Via San Spiridione, un cantiere dell’azienda Rosso Srl, ha posizionato un telo di oltre 40 metri quadrati con un collage di opere della Carloni: un bell’omaggio della città ad un’artista che ha portato un messaggio ben chiaro a Trieste ed ha voluto, a modo suo, incoraggiare molti altri giovani  a coltivare la propria passione artistica con il sogno di vedere, un giorno,  le proprie fatiche “realizzate” concretamente.

“Quando abbiamo iniziato questo percorso – dice Paolo Rosso, titolare della Rosso Srl – l’idea era proprio questa,  dare spazio ai giovani artisti colorando le zone grigie che spesso caratterizzano i lavori edili. Nell’anno dei festeggiamenti per il nostro cinquantesimo compleanno come azienda, siamo nati nel 1971,  Art(è) In Cantiere fa parte delle iniziative dedicate alla città di Trieste ed al nostro territorio e siamo davvero contenti di portarla avanti”.